Manifestazione di interesse Colombia e Messico

22/04/2014

Il Progetto Corrente, in vista dell’organizzazione di prossime attività, sta raccogliendo manifestazioni di interesse da parte delle aziende italiane del settore cleantech interessate ad esplorare le opportunità offerte dai mercati di Colombia e Messico.

Nell’ambito del rafforzamento della collaborazione istituzionale e commerciale dell’Italia con il Messico e la Colombia nel settore cleantech, si intende proporre l’avvio di una piattaforma di scambio informativo tra i Paesi.

Tra gli strumenti messi a disposizione si segnalala possibilità di organizzare gruppi di lavoro congiunti su tematiche condivise al fine di favorire la realizzazione di progetti nel campo della produzione di energia, dell’efficientamento energetico e delle smart grids.

La Colombia

Negli ultimi anni il settore energetico colombiano ha subito profondi cambiamenti, passando progressivamente dal controllo statale al libero mercato. Lo Stato continua a mantenere un ruolo di regolazione e controllo, ma la liberalizzazione dell’iniziativa economica privata e gli incentivi per favorire gli investimenti favoriscono l’ingresso di nuovi operatori nel mercato.

Con una dipendenza quasi totale dalla produzione di energia da idroelettrico (circa il 75%), il governo colombiano punta ad una diversificazione della produzione energetica fissando il target per le fonti rinnovabili non-hydro al 6.5% entro il 2020, oltre ad approvare un programma d’azione rivolto principalmente alle aree rurali,  che pone le sue basi sui seguenti punti cardine:

      1.     incremento dell’efficienza energetica nella domanda;

      2.     incremento dell’efficienza del sistema energetico nazionale;

      3.     incremento della produzione di energia da fonti ad energia rinnovabile non convenzionali

a) da integrare alla rete energetica nazionale;

b) per aree off-grid.

Le politiche del Governo in materia di energia rendono il Paese molto attrattivo, considerata anche la posizione strategica per risorse energetiche finora poco sfruttate come l’energia solare, l’eolico e biomasse da residui agricoli (banana, buccia di riso, polpa di caffè, canna da zucchero).

Il Messico

Le grandi potenzialità delle risorse eoliche, l’ottima irradiazione e la volontà del governo di differenziare la propria matrice energetica, hanno fatto del Messico un mercato estremamente  attrattivo per lo sviluppo delle fonti rinnovabili.

Tredicesima economia mondiale, il paese resta fondamentalmente basato sul petrolio – che fornisce più del 50% dell'energia del paese – ma sta da tempo diversificando il suo mix energetico.

Gli investimenti nel settore delle energie rinnovabili in Messico sono passati dai 352 milioni di dollari nel 2011 ai 2 miliardi nel 2012.

A dicembre 2013 è stata approvata la riforma energetica che ha posto le basi per un quadro normativo che permetterà un investimento di capitale privato messicano e straniero nel settore. Con la riforma lo Stato, oltre ad avere aperto agli investitori stranieri quello che è stato il suo monopolio petrolifero per oltre 70 anni, ha sottolineato la volontà di promuovere la realizzazioni di reti per integrare ed incrementare la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Esistono interessanti opportunità per le imprese italiane con un know how specifico per lo sviluppo delle energie rinnovabili. Attualmente l’energia da fonti rinnovabili in Messico soddisfa circa il 25% del fabbisogno nazionale ed e’ prodotta in gran parte dalle centrali idroelettriche(circa 16%), dalla geotermia (circa 3%) e dall’eolico (circa 2%).

Nel 2012 il Paese ha approvato un’ambiziosa legge sui cambiamenti climatici, fissando un target di produzione di energia elettrica da rinnovabili al 35% entro il 2026 e un obiettivo di riduzione delle emissioni di Co2 del 30% entro il 2020 e del 50% entro il 2050.

Oggi il Messico è il quarto paese al mondo  per capacità installata di geotermico (1GW) ed ha manifestato grande interesse per investimenti nel solare (sia fotovoltaico che CSP), nei biofuel e nel mini idroelettrico, oltre che nell’eolico. La Commissione Elettrica Federale messicana ha stimato un potenziale eolico complessivo superiore ai 50 GW e si ritiene raggiungibile la quota di 12GW al 2020 (ad oggi 1,4 GW). Il potenziale solare si attesta a 45 GW, la capacità installata attuale è di circa 30 MW e si punta ad arrivare a 7 GW.

 

Qualora interessati, si richiede la compilazione del modulo dedicato entro venerdì 9 maggio 2014.

Chiudi Next Back