Missione italiana cleantech in CANADA - 14/18 ottobre

27/06/2013

Corrente promuove la partecipazione delle imprese italiane attive nel settore cleantech alla missione di settore in Canada, organizzata da Confindustria in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Ottawa, Agenzia ICE, ANCE, Federprogetti e GSE. La missione si svolgerà dal 14 al 18 ottobre 2013 a Montreal, Toronto e Vancouver e riguarderà i seguenti settori cleantech: solare fotovoltaico, eolico, idrico, green building, stoccaggio energia, geotermico, waste to energy, cogenerazione e bioenergie.

Le aziende partecipanti avranno modo di svolgere incontri bilaterali con enti pubblici e imprese canadesi, partecipare a seminari e workshop settoriali oltre che a numerose iniziative dedicate a promuovere e valorizzare la filiera cleantech italiana nel mercato canadese.

 

In particolare, la missione si prefigura come un’occasione unica per:

  • conoscere i programmi di sviluppo e i progetti federali e statali della  green  economy  in  Canada;
  • esplorare  le  opportunità  e gli ambiti di collaborazione nonché le possibili sinergie con l’industria canadese; 
  • incontrare i rappresentanti del Governo e avviare i primi contatti con l’imprenditoria locale;
  • partecipare a iniziative e incontri volti a valorizzare le eccellenze e le competenze italiane nel settore cleantech

Per il programma completo della missione si prega di consultare il file in allegato.

 

La partecipazione alla missione è a titolo gratuito, restano a carico dei partecipanti le spese di viaggio, vitto e alloggio.

Le imprese interessate a parteciparvi sono pregate di iscriversi al seguente link entro mercoledì 17 luglio:

http://www.confindustria.it/aree/opp11.nsf/Iscrizione?openform

 

Ulteriori informazioni su alcune delle opportunità di investimento cleantech in Canada:

Il governo  canadese  ha  recentemente  annunciato  lo  stanziamento di 82 milioni dollari canadesi CAD destinati alla costruzione di 55 impianti a energie  rinnovabili, di cui CAD 5,3 milioni destinati alla creazione di una smart-grid (rete di informazione che affianca quella di distribuzione elettrica)  a  Toronto,  CAD  4,5  milioni  per sperimentare le tecnologie di stoccaggio dell'anidride carbonica (CO2) in Nova Scotia, fino a CAD 500.000 per un  impianto  energetico  a biomasse gestito dagli aborigeni nello Yukon. Nel British Columbia il Governo adotterà a breve un nuovo regolamento edilizio  per  la  costruzione di case che usino tecnologie solari per il riscaldamento interno e dell’acqua. Nell’area del solare, termico e fotovoltaico, la  disponibilità  di energia nel Paese concorre con rivali del calibro mondiale di Giappone e Germania e l’uso di energia solare in altre giurisdizioni canadesi è cresciuto di 50 volte negli ultimi anni. Per ulteriori approfondimenti si  trasmettono  in  allegato delle schede sui settori cleantech oggetto della missione, redatte dagli Uffici  dell’Agenzia ICE in Canada, e una raccolta di alcuni dei progetti e dei piani di attività che il governo canadese, a livello federale, provinciale e municipale, sta portando avanti.

 

Si riportano in allegato alcuni documenti settoriali sul mercato cleantech canadese.

Chiudi Next Back